Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
- 5%
Antigoni di Sofocli
- 5%
Antigoni di Sofocli

Antigoni di Sofocli

Cuntu in lingua siciliana. Lu dramma anticu nutricatu di la puisia di ‘n vati

Un traslatore, Alessio Patti, e un poeta, Euranio La Spisa, entrambi organi del Collegio Scientifico dell’Accademia della Lingua Siciliana, si cimentano in una particolare esperienza letteraria di grande impatto culturale: il dramma greco antico in prosa raccontato in lingua aulica siciliana e nutrito da versi endecasillabi siciliani di un vate del terzo millennio nell’affascinante “cuntu” che ha per protagonista “Antigone” nella tragedia di Sofocle, composta nel 442 a.C. Racconta del contrasto tra Antigone e lo zio Creonte, re di Tebe, una rappresentazione del conflitto tra le leggi divine, difese dalla fanciulla, e le leggi umane la cui superiorità è rivendicata da Creonte. Questi, impedendo ad Antigone di dare sepoltura al fratello Polinice, considerato un traditore, commette un peccato di tracotanza che fa reagire gli dèi con mali e punizioni divine. Antigone, che incarna la pietas e la morale privata contro quella pubblica, è la figura femminile capace di decidere ciò che ritiene giusto e di opporsi alle iniquità, al contrario di sua sorella Ismene, incapace di ribellarsi ai voleri degli uomini e di assumersi responsabilità nei confronti dei potenti.

 

Biografia degli autori

Euranio La Spisa

Euranio La Spisa

Alessio Patti

Alessio Patti
Poeta, drammàturgo, traduttore e commediografo in lingua aulica siciliana. Ha tradotto i Vangeli di Matteo, Giovanni, Marco e Luca, dall'edizione e.E.I., ed inoltre il bellissimo Cantico dei Cantici di Salomone, da "La Sacra Bibbia". Di William Shakespeare ha traslato nella lingua dei suoi padri i drammi di «Amleto», «Romeo e Giulietta>; e la tragicommedia «Molto rumore per nulla·????. nelle quali l'autore ha usato un linguaggio illustre che si spera in futuro possa essere definitivamente fissato nella grammatica, nell'ortografia, nella morfologia e nelle articolazioni sintattiche della lingua madre siciliana.
Dall'ammaliante e intrigante teatro greco classico ha tradotto in lingua siciliana «Ippolito» e «Medea» di Euripide, «Agamennone» di Eschilo ed «Elettra» di Sofocle.
Di Giovanni Verga, ha tradotto «La Lupa», nella cui Appendice è presente un monologo teatrale scritto appositamente sulla protagonista del racconto verghiano.
In «Uguale agli dèi» ha tradotto i più grandi poeti del mondo, da Saffo a Erri De Luca; nella sua Antologia in lii Tomi. «Chia'rìa» ha racchiuso la sua esperienza poetica di ben mezzo secolo di attività lirica in lingua siciliana (e i commenti di innumerevoli estimatori). Nel volume «Lucenti» Alessio Patti, per le scuole elementari, medie e superiori, ha tradotto nella lingua madre delle genti i grandi pensatori ed artisti del passato e del presente e proposto le tradizioni, i detti,.i canti e i cunti della tradizione popolare.



Antigoni di Sofocli
15,00 14,25 5 %
 
risparmi: € 0,75
Spedito in 7 giorni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.