Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Libri

23,00 21,85

Quando le donne tornarono a mettersi il rossetto

Paola Lianni

pagine: 198

La pandemia di Covid-19 iniziata nel 2020 ha causato uno stato di emergenza che ha coinvolto la sfera individuale e collettiva delle persone. In uno spaccato privato, le emozioni della vita ordinaria di una donna ordinaria, viste attraverso le lenti deformanti di una situazione assolutamente anomala: città deserte, famiglie chiuse in casa, trasmissioni televisive focalizzate su ospedali e contagi. La cronaca di come siamo passati in pochi giorni dalla normalità di una vita che scorreva con i suoi ritmi a una situazione precaria e allucinata, dai contorni molto simili a quelli di un film apocalittico, costretti a reinventarci una maniera totalmente diversa di vivere. In un susseguirsi di giornate dai contorni sfuggenti, sospese nell’incertezza e nella paura, la registrazione di sensazioni e pensieri che illustrano il percorso breve e infinito di quel tempo buio.
15,00 14,25

Leam et Nebe

Il monito di Leonardo e la rivincita di Giuda

Michele Di Molfetta

pagine: 256

Praga. Adam è un uomo ormai alla deriva sull’orlo di un estremo sacrificio.  Ma ad un tratto la sua esistenza muta radicalmente quando scopre di non essere né vivo né morto e destinato a diventare qualcosa di diverso. Firenze. Dalia White è una professoressa di storia dell’arte alla ricerca di un sogno. La sua insana fissazione la porterà a svelare un pericoloso segreto sepolto da millenni ma anche a corrompere la propria anima. Le loro esistenze, apparentemente distanti, sono destinate ad incontrarsi poiché costituiscono la chiave per garantire l’imprescindibile equilibrio che lega Leam e Nebe.
15,00

Le filastrocche di Nanni e Bibi

Enrico Zingaro

pagine: 50

Segui Bibi e Nanni in venti fantastiche filastrocche che raccontano le loro avventure di tutti i giorni. Bibi dolce e piccola ribelle alle prese con gelati, pozzanghere, luna park e una gara di hula hoop, mentre Nanni nel suo fantastico mondo pieno di simpatici amici tra cui un pirata mangione, un cane dormiglione ed altri personaggi incontrati un giorno al laghetto, un giorno al mare, un giorno al circo. Grazie infinite ai miei nipotini per l'ispirazione.
11,00 10,45

La vita è un prestito

Bernardo Del Rio

pagine: 400

L’autore inventa un dialogo tra due compagni di scuola, Massimiliano e Davide, che si incontrano dopo molti anni. Dal primo incontro nasce in Massimiliano un interesse per la fede cattolica che aveva perso nel tempo. Inizia così un percorso in cui Davide, solidamente cattolico, aiuta l’amico in un cammino di conversione dall’esito imprevisto. Nel rapporto fra i due amici - un’invenzione un po’ romanzesca per un testo che romanzo non è - Del Rio intende dare qualche spunto a chi voglia abbandonare il modernismo oggi imperante e ritornare nel solco della Tradizione. Non si è voluto entrare in polemica con chi predica male e razzola male ma si è preferito ripresentare la Verità che Cristo - Via, Verità e Vita – ha portato. Quanto è accaduto negli ultimi sessant’anni e sta accadendo ai giorni nostri, se contraddice il depositum fidei, va rifiutato qualsiasi sia il prezzo da pagare. Questa convinzione ha guidato Del Rio nella stesura di questo testo. Per chi volesse documentarsi sulle origini dell’odierna confusione troverà qualche spunto nelle appendici.
18,00 17,10

Come si cambia

Giulio Iannotta

pagine: 132

Cambiare è quanto di più difficile e nello stesso tempo semplice possa esistere. È difficile perché richiede una modifica delle proprie abitudini, delle proprie convinzioni e delle proprie azioni. È semplice perché possiamo farlo a piccoli passi con l’umiltà di imparare e la costanza del lavoro quotidiano. Questo testo è scritto per Te che credi di meritare ancora tanto dalla vita perché cambiare è solo un esercizio, uno come tanti e nemmeno il più arduo.  
14,00 13,30
8,00 7,60

3NO

L’odissea del pendolare

Letizia Arosio

pagine: 108

Ogni mattina, in treno, Letizia ama guardare e descrivere il lato positivo di quanto le sta accadendo attorno, o almeno il lato comico che, con qualche rima più o meno baciata, forse strappa un sorriso a chi le sta vicino... o a chi vorrà leggere questo libro. È un libro che nasce per caso, senza troppe pretese, ma solo con l’intento di farti digerire meglio qualche disservizio, qualche incomprensione, qualche situazione a volte tesa... descritta senza mai mirare all’offesa
12,00 11,40

The Invaders Ships

Sandro Barucci

pagine: 46

Many Egyptian Predynastic desert sites show depictions of vessels wich are foreign to Egypt tradition. How was this possible in the fourth millennium BC? What was the level of commercial and cultural contacts with the East? This book tries to add a little step forward.
10,00 9,50
12,00 11,40

Il cerchio della vendetta

Roberto Menegatti

pagine: 164

La grande città viene sconvolta da una lunga serie di brutali omicidi e aggressioni che sembrano però avere tutte un comune denominatore. Il personaggio di un agente donna che proviene da un’altra città, arriva improvviso a mettere in discussione le normali routine del distretto e mette in crisi il detective Bob Shine. Sarà una caccia paziente quella iniziata per tutti, una caccia pericolosa che metterà a dura prova la sensibilità e l’esperienza dei poliziotti.
14,00 13,30

Dopo la fine del mondo

Giuseppe Ridulfo

pagine: 42

Ricordo un saggio che credo si intitolasse Pornografia della morte. La sua riflessione era di fare della pornografia una sorta di metafora, perché quando la morale vittoriana ha soppresso la sessualità in modo che non potesse trovare, diciamo, normali sfoghi salutari, non sarebbe sparita, ma esplosa in modi pornografici e malsani. Se si accetta questa ipotesi, lo stesso vale per la mortalità e la morte: ciò che abbiamo fatto nel mondo moderno è sopprimere la morte in modo da non affrontarla mai, come i vittoriani non hanno mai affrontato la loro sessualità. E il risultato è che oggi non sappiamo come elaborare il lutto perché la morte fino a oggi avveniva all’interno di qualche istituzione che la nascondeva e se ne prendeva cura; è l’industria della morte. La morte non è più personale. Ma l’epidemia di Covid 19 ci ha sbattuto la morte in faccia. I tragici filmati dell’Ecuador, con i morti abbandonati per le strade, le fosse comuni, dall’Iran a New York, ci fanno capire che la morte è sempre presente e fa parte delle nostre vite.
8,00 7,60

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.