Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Libri

C’era una volta…una piccola principessa

Antonio Cantarella

pagine: 324

Quando si giunge ad una certa età, tirare le somme del proprio vissuto è naturale, ma a volte il desiderio di lasciare di sé qualcosa di duraturo, qualcosa che diventi un patrimonio per le nuove generazioni si fa forte, e poiché il vissuto di ognuno di noi è racchiuso nel nostro cuore, ecco che non rimane che aprirlo e imprimere i ricordi di una vita nelle pagine di un libro. Questo ha voluto fare per noi il nostro Antonio Cantarella, ha ripercorso in queste pagine la sua vita donandoci tutto sé stesso
20,00 19,00

Dialoghi con Alkym

Viaggio Magico-Alchemico-Iniziatico nelle profondità dell’Essere

Rodolfo Palermo

pagine: 214

Un’immersione in un mondo lontano, agli albori della conoscenza filosofica, all’origine dell’arte alchemica. Una storia d’amore tra due giovani, Hermes e Chandra - apparentemente persone comuni ma interiormente esseri speciali - che trovano “se stessi” ed il loro Maestro in maniera “fortuita e casuale” un giorno dissetandosi ad una fonte: mirabile simbolismo. Alkym, il Maestro, è la figura di un gigante della conoscenza e della spiritualità: umile ed eccelso, umano e divino ad un tempo. Tra i tre nascerà un afflato profondo che ci viene restituito in maniera mirabile e nella sua somma altezza dai preziosi dialoghi contenuti nel libro. Perle di saggezza: talvolta altissime e talvolta taglienti, talvolta complesse e talvolta incredibilmente semplici, talvolta assai umane e talvolta di natura oltremondana. Tutto avvolto in un’aura di rara bellezza, di potente magia e di eterea poesia
15,00 14,25

Protopìa

Consigli per accudire il futuro

Ivan Peotta

pagine: 352

Protopia può essere tutto e l’assenza di tutto: dipende da come la si vuole interpretare. Il futuro è incerto, a maggior ragione dopo che il 2020 ci ha fatto comprendere che gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. Il futuro è fatto di due elementi: l’uomo e le sue creazioni. Da quando ha inventato la ruota, l’uomo ha cominciato a escogitare modi per evitare la fatica, aumentare la produzione di beni e servizi, scoprire o creare nuovi mondi. Alla soglia del XXI secolo si aprivano due variabili importanti: uno sviluppo tecnologico sempre più dirompente e una crescita demografica a tratti preoccupante, il tutto condito dalla consapevolezza che le antiche narrazioni, le utopie, stavano morendo, lasciando spazio a narrazioni della felicità sempre più atomizzate. Il rischio di un futuro distopico diventa sempre più palpabile: privacy puntualmente violata, sovrappopolamento, tecnologia padrona di tutto. Viene quasi voglia di rimpiangere le vecchie narrazioni, così utopistiche da rasserenare gli animi. Eppure una chiave di lettura esiste: la Protopia. Partendo da una riflessione di Kevin Kelly, l’autore percorre la propria storia personale, assimilandola a quella di ognuno di noi, trovando nessi e aneddoti tra il suo percorso personale e quello di chiunque stia cercando di comprendere la strada che sta percorrendo la Storia che, come Peotta ripete spesso, non fa sconti a chi se ne disinteressa.
18,00 17,10

Il Tocco del Cielo

Ed Fraj

pagine: 294

Studentessa senza convinzione, svogliata e priva di connotazioni specifiche, Emma ritrova le sue radici, fino ad allora incolpevolmente ignorate, grazie ad un manoscritto rinvenuto casualmente, che riporta alla luce le vicissitudini della madre adolescente, ma anche vicende familiari sconosciute, sentimenti profondi, luoghi e persone di cui non ha memoria. Dal confronto con la mamma, unione familiare ed intenti si rafforzano, iniziando un percorso responsabile nobilitato da priorità estranee ai suoi consueti modelli di riferimento. Spunta una nuova Emma, alla quale il Destino pare avesse affidato, già anni prima, una missione - nel duplice ruolo di strumento ed artefice - che la cambierà per sempre. Con sorprendente vitalità e creatività, Emma dimostra di essere in grado di mettere ordine nella propria vita, assecondando la forza delle idee con tenacia e caparbietà e dando forma e consistenza ai sogni. Sullo sfondo, paesaggi mozzafiato e all’orizzonte, forse, un amore
17,00 16,15

La Gatta Selvatica

Novella Fiore

pagine: 346

Tra il 1956 e il 2005 in provincia dell’Aquila vive la famiglia Antonelli: madre, padre e cinque figli. L’ingente eredità lasciata dallo zio Giuseppe ne cambia radicalmente lo stile di vita. La famiglia, molto invidiata da tutto il paese, vive momenti di grande felicità ma anche d’immenso dolore. La giovane moglie del figlio maggiore, considerata da tutti chiusa e superba, custodisce un amaro segreto. Un efferato delitto sconvolgerà l’equilibrio interiore, ritrovato a fatica dal secondogenito. Il terzo figlio sarà costretto a rinunciare alla sua importante scelta di vita per cause indipendenti dalla sua volontà, cambiando completamente la sua esistenza. I fratelli, sempre uniti nelle gioie e nei dolori, cercheranno d’intervenire per aiutare la figlia del fratello maggiore. La giovane donna, fin da ragazzina fragile e tormentata, diventerà la vittima di un criminale, interessato soltanto ai suoi soldi e sarà risucchiata nella spirale della violenza
20,00 19,00

La profumeria del Rinascimento tra Igiene Medicina e Seduzione

Storie, tecniche, ricette, personaggi

Michela Pazzanese

pagine: 360

Un’ immersione nella Storia della Profumeria nel periodo rinascimentale. Un viaggio indietro nel tempo alla scoperta dell’antica “arte profumatoria”, che durante il Rinascimento significava medicina e cura del corpo, ma anche immaginario erotico e seduzione. Nel XV secolo, è l’Italia che eccelle in quest’arte, soprattutto con Venezia e Firenze.  L’uso del profumo riguarda, in particolare, il mondo di Corte e le dame della nobiltà. Nel Cinquecento sarà Caterina de’ Medici, giovane sposa del futuro re di Francia Enrico II, a introdurlo a Corte e influenzare la moda francese, passando alla Francia il primato in quest’arte. Un viaggio tra le Spezierie dell’epoca, le materie prime alla base della composizione dei profumi degli antichi speziali, la distillazione delle erbe, gli attrezzi e le tecniche tradizionali dell’arte profumiera, tra le acque odorifere più comunemente utilizzate nel Rinascimento, le ricette per le composizioni, accompagnati da famosi personaggi del tempo che hanno avuto un ruolo importante nell’evoluzione dell’arte della profumeria
35,00 33,25

Linguistica

Eligio Ciabattoni

pagine: 182

Il linguaggio è stato l'elemento decisivo per lo sviluppo della civiltà umana; di tutti gli strumenti usati dall'uomo per comunicare, l'invenzione più prodigiosa della sua mente, quella che gli ha permesso di usare tutti gli altri strumenti sia di tipo corporeo sia extracorporeo, di progettarne altri, di riflettere sulla loro utilità, di perfezionarli, è stata certamente la lingua. Essa è lo strumento più potente di conoscenza, di lavoro, di rapporti umani, di relazioni sociali. La prima parte della presente ricerca linguistica ripercorre, dalle origini, il lungo cammino della lingua italiana prima di divenire quello straordinario strumento comunicativo attuale, valido a tutti i livelli espressivi della società odierna. Nella seconda parte vengono prese in esame molte parole "plurisignificative" (le omonimie, le parole polisemiche, le parole che dànno origine ad intere famiglie di parole). La terza parte è incentrata sull'ortoepia, la corretta pronuncia delle parole, scevra da inflessioni regionali, la cui conoscenza è indispensabile per alcune categorie professionali.  
16,00 15,20

Violenza fatta in casa

Le storie vere di sette persone, più una

Gaddo de Anna

pagine: 276

Sono interviste effettuate a chi volontariamente ha accettato di narrare la propria esperienza, poi trasformate in racconti. Il tema, quello della violenza perpetrata fra le mura domestiche. Nascosta agli occhi dei più, troppo spesso classificata come “naturale che sia”, è la forma più vigliacca di sopraffazione, anche perché espressa nei confronti: di donne, bambini, anziani. Cioè verso chi di solito non ha la forza di reagire. La donna, perché cresciuta nella cultura dove è lei che deve ubbidire al marito, al padre o a chi altro. Perché la moglie è del marito; ma anche il marito è della moglie. E, che è pure peggio, i figli sono dei genitori. Ma nessuno appartiene a nessuno, se non lo vuole lui e fino a dove lo decide lui. Mio figlio è mio figlio, ma non è mio; mia moglie è mia moglie, ma non è mia. E’ di sé stessa; tuttalpiù, ma solo se lo vuole, può prestarsi in comodato. I bambini, poi, che si fidano degli adulti, uomini o donne non importa, perché da loro si aspettano gioco, affetto, protezione, rifugio, favole. E invece si ritrovano in casa il mostro che li abusa, li violenta, fa loro del male. Rischiando loro stessi di divenire, da adulti, mostri abusanti nei confronti di altri bambini. Sono storie di vittime reali di violenze brutali, psicologiche sessuali, non importa: di violenza. Ad ognuna di loro il nome di un fiore.
15,00 14,25

Il Faro del Mattino

Francesca Varagona

pagine: 36

Dall’unione delle parole scritte e dalle immagini nasce questo libretto pensato per gli amanti delle poesie e delle illustrazioni. Il libro propone un percorso artistico che rappresenta una novità assoluta nel mondo editoriale. Il raccordo tra l’espressione poetica e quella grafico-artistica appare armonioso ma anche semplice. Le poesie, infatti, seppure ermetiche, vengono interpretate e spiegate dal tratto grafico e dai colori, che ne colgono l’essenziale e le aprono alla conoscenza di chi vuole farsi trascinare dal ritmo, dalle cadenze, dalle assonanze ma allo stesso modo dalla vista. L’immagine, raffinata e colta, colpisce per la sua immediatezza e si fonde in un’unica espressione artistica con la parola. Fare poesia e illustrare, diventano insieme, semplicemente “fare arte”.
11,00 10,45

Un amore impossibile

Mario Serena

pagine: 156

UN ROMANZO SURREALISTA. ECCO LA DEFINIZIONE PIU’ GIUSTA PER QUESTA NUOVA OPERA DI MARIO SERENA. E’ UNA TRAMA COINVOLGENTE ED AVVINCENTE, MA ANCHE TRASCINANTE ED INTIGRANTE. NONCHE’ COMPLESSA ED ENTUSIASMANTE. IN ESSA PREVALE UN QUADRO SOVENTE AVVERTITO COME UN LABIRINTO LETTERARIO. NON SOLO, MA ANCHE DOMINATO DA UNA COMPLESSA PERSONALITA’ DEI PROTAGONISTI. L’AUTORE, UOMO DI UNA CULTURA MOLTO VASTA, AMA SPAZIARE TRA LE TRAME DELLE VARIE CORRENTI LETTERARIE. IN POSSESSO DI DIVERSE ESPERIENZE CULTURALI E’ IN GRADO DI RIELABORARLE CON ABILITA’ COMPOSITIVA. L’OPERA DEL SERENA CON I SUOI DIALOGHI E LA SEGUENZA DEGLI EPISODI, IN ALCUNI MOMENTI SEMBRA ASSUMERE L’ASPETTO DI UN ROMANZO-SAGGIO. LA TRAMA MOLTO FANTASIOSA, MA CON RISULTATI EFFICACI, HA UN LINGUAGGIO COLORITO E PENETRANTE, TANTO DA ENTRARE SUBITO NELLA MENTE DEL LETTORE PER RESTARCI. IN ESSA PREVALE ANCHE UN CERTO INTERESSE VERSO UNA OSSERVAZIONE CONCRETA IL TUTTO INSERITO IN UN PODEROSO ED ENERGETICO NATURALISMO. NEL ROMANZO NON MANCANO NEANCHE SCORCI DI INTROSPEZIONE PSICOLOGICA. LO STILE E’ INDUBBIAMENTE REALISTICO, MA ANCHE SENTIMENTALE. LO SCRITTO E’ SCORREVOLE ED ACCATTIVANTE. UN’OPERA CHE RESTERA’    
14,00 13,30

Tra i boccoli della chioma

Catasterismo, meraviglie, libri e frammenti dell’antichità

Claudio Rossini

pagine: 80

Salvare il suo grande amore Tolomeo. Ecco cosa chiede la sovrana Berenice alla Dea Afrodite, offrendo in sacrificio la sua bella chioma. Dopo qualche tempo, l’astronomo di corte Conone riconosce la sua forma nel cielo, tra le altre stelle. È la CHIOMA di BERENICE. Eratostene di Cirene, ma chi era costui? Di cosa si occupava molto, molto tempo fa? E qual’ è il filo conduttore che lega Mausolo, antico satrapo di Caria, al Principe Antonio de Curtis, il nostro contemporaneo popolarissimo Totò? Ebbene seguendo quello stesso filo, che porta ad altro ancora…Ecco che si finisce per intraprendere un percorso non privo di sorprese, per poi tornare a quando tutto ebbe inizio, alla nascita della STORIA.
12,00 11,40

seconda vita

Nicoleta Dabija

pagine: 134

Il dolore di Nicoleta è una stanza dove nessuno può entrare, il dolore di Nicoleta ha una chiave che solo Nicoleta possiede, perchè solo lei ha corso sui prati con Mariana, solo dentro di lei c’è l’eco delle risate nei cortili della loro infanzia. Quindi posso fare soltanto lo spettatore scemo che guarda dalla finestra, guardo la vita di queste sorelle, che da tre si sono trovate in due, guardo il piccolo Alex che gira nelle cose con un cartellino con scritto “mamma” e lo appiccica a quello che trova, guardo i corpi stanchi di chi è rimasto, corpi trascinati a espletare le faccende legate alla sepoltura del caro, il dolore deve aspettare, bisogna lavare Mariana, ci sono le pratiche da svolgere, bisogna avvisare i parenti, cucinare per loro, il dolore può aspettare, bisogna andare in banca, al cimitero, il dolore deve aspettare.
12,00 11,40

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.