Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Libri

La Tana

(Racconti di fattoria)

Antonio Baroncini

pagine: 158

La storia della fattoria, come memoria di generazioni di uomini e donne che con intelligenza, sacrificio, volontà, hanno contribuito a creare una realtà agro-turistica di indubbio valore, e che si propone per il futuro con ulteriori sviluppi, nel totale rispetto di una natura che resta, in grandissima parte ancora incontaminata. Dalle molteplici vicende di questa bella realtà sono state tratte alcune storie che riguardano direttamente l’odierno assetto aziendale, insieme ad altre che provengono da un passato più o meno recente, ma tutte appartenenti ad un mondo che molti dei nostri giovani e giovanissimi non hanno conosciuto e che, se non narrato, rischierebbe di restare senza memoria. La Storia, d’altra parte, non è fatta solo di grandi eventi, ma la più autentica e vera è quella in cui protagonisti umili e laboriosi si sono quotidianamente adoprati per costruire, con il loro impegno, un mondo migliore. Questo mondo si trova e si riconosce proprio nella vita dei campi, dove i nostri nonni e i nostri padri si sono impegnati ed hanno sofferto fatiche e privazioni, sempre con la speranza che il seme gettato potesse germogliare e dar frutto. Anche a loro va la nostra riconoscenza ed il nostro affettuoso ricordo, poiché oggi noi siamo coloro a cui i nostri vecchi, uomini e donne, hanno preparato il cammino.Sono stati, insieme ad altri, i principali e più valorosi protagonisti dell’epopea agreste del Novecento.  
16,00 15,20

Lady of dreams

Enrico Caltagirone

Partendo da appunti relativi a fatti realmente accaduti nella sua vita, l’autore ha lentamente realizzato una specie di diario intimo. Si tratta di fatti visti da una certa angolazione personale, con qualche “licenza poetica”, procedendo tra realtà e sogno. Scrivendo si è accorto che tutta la sua vita è stata una continua ricerca, dalla Casa dei sogni, alla Donna dei sogni, fino ad arrivare alla ricerca di Dio. È quindi emersa la sua anima di ricercatore storico e linguistico e le due anime, quella di poeta e quella di ricercatore, si sono fuse. La ricerca della Donna dei sogni è lentamente diventata la ricerca del Dio sconosciuto.  
12,00 11,40
8,00 7,60

The Invaders Ships

Sandro Barucci

pagine: 46

Many Egyptian Predynastic desert sites show depictions of vessels wich are foreign to Egypt tradition. How was this possible in the fourth millennium BC? What was the level of commercial and cultural contacts with the East? This book tries to add a little step forward.
10,00 9,50

Linguistica

Eligio Ciabattoni

pagine: 182

Il linguaggio è stato l'elemento decisivo per lo sviluppo della civiltà umana; di tutti gli strumenti usati dall'uomo per comunicare, l'invenzione più prodigiosa della sua mente, quella che gli ha permesso di usare tutti gli altri strumenti sia di tipo corporeo sia extracorporeo, di progettarne altri, di riflettere sulla loro utilità, di perfezionarli, è stata certamente la lingua. Essa è lo strumento più potente di conoscenza, di lavoro, di rapporti umani, di relazioni sociali. La prima parte della presente ricerca linguistica ripercorre, dalle origini, il lungo cammino della lingua italiana prima di divenire quello straordinario strumento comunicativo attuale, valido a tutti i livelli espressivi della società odierna. Nella seconda parte vengono prese in esame molte parole "plurisignificative" (le omonimie, le parole polisemiche, le parole che dànno origine ad intere famiglie di parole). La terza parte è incentrata sull'ortoepia, la corretta pronuncia delle parole, scevra da inflessioni regionali, la cui conoscenza è indispensabile per alcune categorie professionali.  
16,00 15,20

Morte e rinascita del pianeta terra

Umberto Salmeri

pagine: 72

Il disagio esistenziale nel quale sta vivendo l’ultimo uomo, residuato psico-fisico di un’epoca storica terminale, tra le più’ oscure che siano mai esistite, pone in essere il problema e la necessità di una reazione, avvertita da un’esigua minoranza, che ancora possiede il senso della dignità e del valore di un superiore ordine spirituale. A ciò però si aggiunge la consapevolezza nata da una profonda onestà intellettuale che la rimozione ed il superamento della condizione di “schiavitù” materiale e spirituale, non sia possibile ad opera dell’azione umana, in quanto impotente da sola a fronteggiare un sistema demonico di così rara potenza come l’attuale. Per contro però, va anche riconosciuto che, secondo le antiche tradizioni che ci parlano dei cicli storici, storicamente e metastoricamente ci si trova nella famosa quarta Età, quella della dissoluzione finale e per tale motivo si può quasi paradossalmente considerare “normale” quella che è una situazione patologica. L’Autore mosso da una visione del mondo antiprogressista ed antimodernista si spinge ad immaginare ma sostanzialmente a desiderare un intervento liberatorio dall’Alto, da entità non-umane, celesti, divine, siderali e nel contempo la creazione nel prossimo futuro di una comunità di uomini speciali pronti alla sacra accoglienza.  
12,00 11,40

Poesia e fotografia

Sandrino Aquilani

pagine: 62

Poesia e fotografia una unione perfetta, giù di getto, senza pensarci troppo, per rispondere all'esigenza di un momento, quella di fermare il tempo, una poesia e una fotografia sono l’unico strumento che ci è dato, per camminare sul passato. 22 poesie e 22 fotografie, suggerite da questo 2020 più 2, che è un numero assai strano, non si può scrivere abbreviato, e si presenta per certi versi molto, troppo, accidentato. L’introspezione, i paesaggi dell’anima, i percorsi emozionali raccontati con gli occhi e col cuore, nel momento in cui sono stati vissuti, per non essere dimenticati. E comunque, qualcosa da leggere tutto d’un fiato, senza fatica, dove riconoscersi forse per dare quel valore aggiunto ad ogni storia, che è la mia, che è la tua. O almeno io lo penso.    
11,00 10,45

Progetti e Virus

Giuseppe Pelagalli

pagine: 342

Il romanzo racconta le vicende di un ingegnere navale italiano e di una giovane architetta polacca. La storia è ambientata a Danzica. I due protagonisti si incontrano per progettare il più grande veliero da crociera di tutti i tempi. Il racconto si sviluppa in questi ultimi mesi, a partire dal 20 dicembre 2019, in tempo reale utilizzando, tra le altre cose, tutta una serie di dati veri e verificabili riguardanti il meteo, gli orari dei treni o degli aerei, l'oroscopo dei giorni ed altro. Come accennato, dal 20 dicembre sino al 31, ad ogni capitolo corrisponde un giorno. Dopo di che i tempi cominceranno a dilatarsi sino ad arrivare a quelli del covid-19 che inciderà profondamente nella vita dei protagonisti tanto da metterli duramente alla prova. L'architettura della narrazione è supportata da descrizioni molto particolareggiate tanto che possono indurre il lettore attento a visualizzare, letteralmente, come delle vere immagini, le storie man mano che esse scorrono. I protagonisti si innamoreranno e vivranno questa storia d'amore tracciando alcune pagine di passione ed erotismo molto dettagliate con qualche scena di sesso anche esplicita.
20,00 19,00

Protopìa

Consigli per accudire il futuro

Ivan Peotta

pagine: 352

Protopia può essere tutto e l’assenza di tutto: dipende da come la si vuole interpretare. Il futuro è incerto, a maggior ragione dopo che il 2020 ci ha fatto comprendere che gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. Il futuro è fatto di due elementi: l’uomo e le sue creazioni. Da quando ha inventato la ruota, l’uomo ha cominciato a escogitare modi per evitare la fatica, aumentare la produzione di beni e servizi, scoprire o creare nuovi mondi. Alla soglia del XXI secolo si aprivano due variabili importanti: uno sviluppo tecnologico sempre più dirompente e una crescita demografica a tratti preoccupante, il tutto condito dalla consapevolezza che le antiche narrazioni, le utopie, stavano morendo, lasciando spazio a narrazioni della felicità sempre più atomizzate. Il rischio di un futuro distopico diventa sempre più palpabile: privacy puntualmente violata, sovrappopolamento, tecnologia padrona di tutto. Viene quasi voglia di rimpiangere le vecchie narrazioni, così utopistiche da rasserenare gli animi. Eppure una chiave di lettura esiste: la Protopia. Partendo da una riflessione di Kevin Kelly, l’autore percorre la propria storia personale, assimilandola a quella di ognuno di noi, trovando nessi e aneddoti tra il suo percorso personale e quello di chiunque stia cercando di comprendere la strada che sta percorrendo la Storia che, come Peotta ripete spesso, non fa sconti a chi se ne disinteressa.
18,00 17,10

Scelgo di essere felice

Autobiografia di una mamma adolescente

Silvana Bonavolontà

pagine: 180

Nella sua prima esperienza da narratrice Silvana Bonavolontà riesce a conquistare il lettore con descrizioni accurate ed uno stile avvincente. La scrittura agile e scorrevole s’imprime nella mente di chi getta il proprio cuore in questa sincera e splendida autobiografia. Non capita spesso di vedere, sentire e toccare l’atmosfera e le persone descritte sulla pagina bianca, ma questa giovane esordiente ha dipinto con la sua penna una prosa semplice e allo stesso tempo tagliente. Dopo aver letto ogni pagina sarà difficile rimanere prigionieri della tristezza e insieme all’autrice anche noi diremo: “scelgo di essere felice!”       
15,00 14,25

seconda vita

Nicoleta Dabija

pagine: 134

Il dolore di Nicoleta è una stanza dove nessuno può entrare, il dolore di Nicoleta ha una chiave che solo Nicoleta possiede, perchè solo lei ha corso sui prati con Mariana, solo dentro di lei c’è l’eco delle risate nei cortili della loro infanzia. Quindi posso fare soltanto lo spettatore scemo che guarda dalla finestra, guardo la vita di queste sorelle, che da tre si sono trovate in due, guardo il piccolo Alex che gira nelle cose con un cartellino con scritto “mamma” e lo appiccica a quello che trova, guardo i corpi stanchi di chi è rimasto, corpi trascinati a espletare le faccende legate alla sepoltura del caro, il dolore deve aspettare, bisogna lavare Mariana, ci sono le pratiche da svolgere, bisogna avvisare i parenti, cucinare per loro, il dolore può aspettare, bisogna andare in banca, al cimitero, il dolore deve aspettare.
12,00 11,40

Storie con il fiocco

Ridere, sognare e imparare

Liliana Litterio Hebe

pagine: 102

Il libro scritto da Liliana Hebe Litterio contiene diciassette storie rivolte a un ampio pubblico di bambini. Tuttavia, non è solo un libro di fiabe, ma ha alcune peculiarità. Ogni storia inizia con un piccolo verso che funziona come una breve presentazione del tema. Continua con lo sviluppo e il risultato di una storia che, in un modo o nell’altro, enfatizza i valori. E alla fine, l’autrice incorpora una serie di esercizi pratici che facilitano l’esposizione della fantasia dei bambini, stimolano l’interesse intellettuale, contribuiscono ad intrattenere l’apprendimento e a promuovere abitudini del buon comportamento. I destinatari immediati del libro sono i bambini piccoli e quelli che non lo sono, perché le storie combinano perfettamente la magia con la realtà. Ma i destinatari sono anche gli insegnanti che troveranno nel libro esercizi utili da mettere in pratica quando condivideranno con i bambini il contenuto di una storia qualsiasi. Cioè, oltre ad essere uno spazio dedicato alla lettura o all’ascolto quando non ancora riescono a leggere, facilita l’interazione dei bambini tra di loro, con gli insegnanti e con le loro famiglie. Tutto ciò, senza dimenticare per un momento che si tratta di bambini. Il libro contiene la giusta dose di magia e di realtà, e in definitiva esprime la visione dell’autrice sul meraviglioso mondo dei bambini, con valore aggiunto, cerca sempre di lasciare un insegnamento, che può essere, condividere, aiutare, immaginare, accompagnare, cercare informazioni o qualsiasi obiettivo di interesse. Proprio per questo, queste Storie con il fiocco sono state pensate per ridere, sognare e imparare
13,00 12,35

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.